Come trasferire un sito: 5 cose da non dimenticare!

Come trasferire un sito: 5 cose da non dimenticare!

Trasferire un sito internet da un posto all’altro può sembrare complicato a chi è alle prime armi.
In realtà, basta ricordare alcune cose fondamentali perché il passaggio sia il più indolore possibile.
Vediamo insieme gli step più importanti per non fare troppi danni e risolvere tutto in poco tempo.

Cosa ti serve:
– accessi FTP all’hosting e al database
– codice di autorizzazione (authinfo)

Effettua il BACKUP del sito e del database

Ogni volta che apporti modifiche sostanziali al tuo sito o al database il backup è FONDAMENTALE, poiché ti permette di ripristinare il sito alle sue condizioni originali.
Molti provider forniscono il servizio di backup automatico giornaliero e/o settimanale; nulla vieta però di farlo manualmente ogni volta che ve ne sia necessità.
Ti ricordo che il trasferimento del sito su un nuovo provider cancella definitivamente tutti i tuoi file: sarai tu a dover ricaricare l’intero sito nella nuova root, quindi avrai bisogno del backup.

Step 1) Accedi via client FTP (es. Filezilla) e scarica tutto il contenuto della root del sito in una cartella sul tuo pc: una volta completato il trasferimento, potrai ricaricare tutti i file e le cartelle nella nuova root.

Step 2) Accedi a phpMyAdmin ed effettua il backup dell’intero database.

Effettua il BACKUP delle caselle di posta

Quando trasferirai il tuo sito, dovrai tener conto delle caselle di posta ad esso collegate.
Questo perché, una volta completato il trasferimento, dovrai ricreare le caselle da zero e reimportare tutti i messaggi ricevuti, inviati, bozze ecc. altrimenti perderai tutto!

Step 3) Se il tuo provider di posta lo prevede, puoi effettuare il backup di tutte le cartelle effettuando il login a ciascun account di posta. Altrimenti, puoi configurare temporaneamente gli account di posta su un client esterno (es. Thunderbird) utilizzando il POP3.
In entrambi i casi, avrai il tuo backup pronto per essere ripristinato una volta ricreate le caselle.

Trasferisci il dominio

Una volta effettuati tutti i backup necessari, puoi procedere con il trasferimento vero e proprio del dominio e dell’hosting.

Step 4) Vai sul sito del nuovo provider e procedi con l’acquisto del servizio di trasferimento.
Quasi sicuramente ti chiederà il codice di autorizzazione (authinfo): puoi richiederlo al vecchio provider contestualmente alla richiesta di sblocco dominio.
Importante: se il vecchio dominio risulta bloccato e/o non possiedi il codice authinfo non potrai procedere con il trasferimento.
In tal caso ti consiglio di leggere la documentazione del tuo vecchio provider o di contattare l’assistenza.

NOTA:
In alcuni casi, il provider invia una email con un link per la conferma del trasferimento; ricordati di controllare la tua casella di posta ogni tanto.

Step 5) Una volta attivato il nuovo dominio e attivati gli accessi all’FTP e alla posta, ripristina tutti i backup precedentemente fatti. Se il tuo sito è dinamico, ricordati di cambiare i file di configurazione per l’accesso al database.

Fai un giro di controllo

Ora che hai completato il trasferimento, fai un giro di controllo per assicurarti che sia tutto a posto e che non ci siano link rotti o perdite di dati.
Puoi analizzare l’indicizzazione del tuo sito scrivendo nella barra di ricerca di Google la stringa site:iltuosito.it e controllando tutte le pagine dei risultati.
Ricorda che se hai cambiato e/o cancellato volutamente alcuni file, dovrai predisporre un redirect permanente per evitare eventuali penalizzazioni da zio Google!
È tutto!

Ti è piaciuto l’articolo?

Ho preparato per te una cartolina con i 5 passaggi fondamentali che non devi MAI dimenticare quando fai un trasferimento di un sito web.
Scaricala gratuitamente e tienila sempre con te, ti sarà utile come checklist per il tuo lavoro!

[sociallocker id=”227″]Scarica il report gratuito![/sociallocker]

Hai modificato alcune url e devi impostare i redirect?

Leggi anche: Redirect: con .htaccess non perdi il pagerank nella SERP

Related Posts