Redirect: con .htaccess non perdi il pagerank nella SERP

Redirect: con .htaccess non perdi il pagerank nella SERP

In questa breve guida imparerai a gestire il redirect temporaneo o permanente senza perdere il pagerank nella SERP (pagina dei risultati di Google), utilizzando il file .htaccess posizionato nella root del tuo sito.

Il redirect si rivela indispensabile ogni qualvolta vi sia una modifica delle url effettuata ad esempio per migliorare la SEO (es. professionewebdesigner.it/post=21 -> professionewebdesigner.it/chi-sono) o un cambio di dominio (es. da .it a .com) e non sia voglia perdere il posizionamento finora ottenuto grazie alle vecchie url.

Il file .htaccess

Il file .htaccess è il file di configurazione delle istruzioni e/o regole di un sito; va caricato nella root dei siti ospitati su server Apache e viene controllato ogni qualvolta vi sia una richiesta di visualizzazione del sito.
In poche parole, ogni volta che apriamo un sito ospitato su un server Apache, il server controlla se esiste un file .htaccess e quali regole vi siano al suo interno.
Il file .htaccess è il primo file ad essere consultato ed è per questo che si consiglia di utilizzarlo per gestire redirect, regole di rewrite e molto altro.

Il redirect può essere di due tipi: temporaneo o permanente.

Redirect 301 (o permanente)

Attraverso il comando di redirect 301 stiamo dicendo al motore di ricerca che la vecchia url non esiste più e deve essere sostituita dalla nuova.

La sintassi corretta per il redirect permanente di un intero sito è la seguente:

Redirect 301 / http://www.nuovosito.it/

Cosa abbiamo fatto?
301 è il numero che fa riferimento al tipo di redirect, ovvero permanente.
La backslash / indica il vecchio sito per intero, seguito dal percorso assoluto del nuovo sito.

Allo stesso modo, è possibile reindirizzare anche una sola pagina alla volta:

Redirect 301 /pagina-vecchia.html http://www.nuovosito.it/pagina-nuova.html

In questo caso, è sufficiente indicare il percorso relativo della vecchia pagina, seguito dal percorso assoluto della nuova pagina.

Ci vuole un po’ perché il motore di ricerca si aggiorni, perciò è possibile che per un breve periodo entrambi gli indirizzi vengano visualizzati nella SERP di Google.

Redirect 302 (o temporaneo)

Il redirect tempoaneo è molto utile nel caso in cui si voglia temporaneamente reindirizzare un sito o una pagina a un altro indirizzo, magari in situazioni di manutenzione e/o work in progress.
La sintassi è simile alla precedente: per reindirizzare temporaneamente un intero sito si utilizza il comando

Redirect 302 / http://www.nuovosito.it/

mentre per reindirizzare una pagina specifica si utilizza il seguente comando:

Redirect 302 /pagina-vecchia.html http://www.nuovosito.it/pagina-nuova.html

Nella tua root manca il file .htaccess? Crealo tu!

Apri il blocco note e scrivi il seguente comando:

RewriteEngine On
Options +FollowSymLinks

seguito dal codice per il redirect di cui hai bisogno, poi salvalo come .htaccess eliminando l’estensione .txt.

Ti è piaciuta questa guida?!
Aiutami condividendola con i tuoi amici tramite i link qui in basso!

Related Posts